Foto Club Espera

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi siamo

Il fotoclub
  • Il Foto club Espera nasce nel 1998 grazie alla buona volontà di un gruppo di appassionati fotoamatori roccavionesi, che partendo dal nulla, decidono di organizzare, in occasione della festa del Santo Patrono, un concorso fotografico che avesse rilevanza nazionale. L'esperienza fu condotta anche grazie alla collaborazione del mensile "Il Fotografo" edito da Sprea e Gussoni.seguito, dall'inverno 1999, il Foto Club comincia ad organizzare un corso di fotografia per principianti o per amatori. L'atmosfera allegra e sbarazzina creata durante il corso ha contribuito a far si che molti si siano avvicinati alla fotografia per nostro tramite. corso ed il concorso sono parte integrante dell'attività del Club

  • L'esperienza e la competenza dei soci si è via via arricchita con "l'acquisto" di nuove personalità, come Adriano Ramella, plurivincitore di concorsi ed eccellente paesaggista,   Vittorio Daniele, fotoreporter professionista, bianconerista di vecchio stampo e direttore della fotografia in serial televisivi. Claudio Iacono ormai è considerato uno dei migliori stampatori della provincia

  • Nel 2000 il club è stato associato alla FIAF, dal 2002 è affiliato alla UIF.

  • Dal 2001 in occasione della festività di San Magno, il Club propone una collettiva di tutti i soci ed un portfolio di uno dei soci

  • Sede di segreteria Regionale UIF dal 2003

  • Club emerito UIF dal 2004

  • Sede di Segreteria Provinciale dal 2004

  • 2006: visita alla mostra di Doisneau a Milano

  • 2006 visita alla mostra di Cartier Bresson a Milano

  • 2007:fotografi in città a Torino

  • 2011: Il fotoclub rappresenta il Piemonte alla mostra fotografica organizzata ad Amilly (F) in occasione del gemellaggio con Fornacette (PI)

  • 2012: Workshop di street Photography

  • 2000 - 2011: numerosi soci partecipano con successo a svariati concorsi nazionali

  • Questi riconoscimenti a livello nazionale non hanno modificato lo spirito con cui il gruppo si propone ai neofiti: non c'è un capo, se non sulla carta ed ogni decisione è presa collegialmente da tutti i soci presenti al momento della discussione. Questa atmosfera amicale ha fatto si che parecchie volte sono state organizzate "artigianalmente" gite o incursioni presso altri club, per ammirare mostre od assistere alla premiazione di concorsi. Il Direttivo è sempre aperto alla collaborazione con gli altri foto club viciniori (siamo legati al CA.FI.NUT di Torino, alla Mela Verde di Mallare, al circolo fotografico Fornacette ed al circolo Saonensis di Savona da sinceri rapporti di amicizia) per una maggiore diffusione della pratica fotografica. Dal 2008 possiamo godere di una nuova sede con camera oscura, sempre a disposizione dei soci e dei simpatizzanti. Alcuni sei soci, infatti, continuano a prediligere l'uso della pellicola, soprattutto per il bianconero. Altri sono “digitalisti“ convinti, mentre una buona parte pensa che la virtù sia in mezzo: digitale per il colore e pellicola per il bianconero. La passione per la fotografia spinge il foto club ad organizzare ogni anno “Il Corso”, come è benevolmente chiamato dagli amici, per poter avvicinare sempre un maggior numero di persone, cosciente che la passione dev'essere trasmessa nel tempo e non imposta dall'alto. Ben due volte l'anno una pizza in compagnia: d'accordo che siamo fotografi, ma non vivemmo solo d'arte e d'amor.


Torna ai contenuti | Torna al menu